Lena Chamamyan
Musica Tips e cultura

Lena Chamamyan, amore a Damasco

Lena Chamamyan è una di quelle voci che vale la pena conoscere se si ama la musica, per stile e altezza. Io l’ho scoperta per caso, forse in radio durante il mio soggiorno a Tunisi, non posso ricordare il contesto preciso.

Lena ha origine armene, suo padre era un armeno di Aleppo e sua madre una siriaca di Mardin, una città nel sud est di quella che adesso è la Turchia. Nasce a Damasco, in Siria, nel 1980. Le radici di Lena sono piantate in due grandi culture che erano parte dell’impero Ottomano, e nella sua voce e nella sua musica si notano le contaminazioni di diversa provenienza, che oscillano fra il jazz e il folk armeno e siriano. Il ritmo è sempre affascinante, la melodia corteggia l’ascoltatore come nella migliore tradizione araba. Si insinua.

La sua interpretazione della tipica canzone armena “Sareri Hovin Mernem” (I’ll die for the wind of the mountains) è sensazionale.

Anche se non ha raggiunto la stessa fama delle più importanti voci femminili del medio oriente resta un esempio di grande qualità e bellezza internazionalmente riconosciuta.

I testi sono spesso intrisi di dolore e nostalgia per la vita damascena disturbata dalla guerra di cui Lena resta voce.

 


Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*