Tutta la società civilizzata è tenuta in corsa dal cane rabbioso del fallimento, una chimera il cui fiatone inumidisce i nostri calcagni.